Author Topic: Andrea, che peccato!!!  (Read 5257 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline liska-ita398

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 75
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #30 on: October 12, 2011, 15:14:59 PM »
Tornando sul concreto, conosco Andrea Pendibene abbastanza bene per essere sicuro che ha preparato questa transat nel modo migliore, è vero che puo' aver  commesso un'ingenutà lasciando il tambuccio aperto (e a tal proposito mi ricordo una tirata di orecchi prorpio di Stefano ad un francesino che due anni fa  aveva combinato la stessa cosa allagando la barca...):
Sul suo ritiro , visto che era partito per vincere o almeno salire sul podio non mi sento di esprimere giudizi, perchè non scordiamoci che  Andrea a Bahia c'è già arrivato 4 anni fa, qundi nel suo progetto non c'era solo di arrivare in Brasile, ma di arrivarci prima degli altri ! 
Se come leggiamo dal suo comunicato stampa aveva lo spi grande rotto e la pila a combustibile fuori uso si poteva scordare questa regata tra i top 5.
E' noto che comunque per lui il percorso mini si sarebbe definitvamente concluso con questa regata. Avrà semplicemente fatto due calcoli ed avrà detto : "se devo fare il 30esimo a che mi serve?" .. e quindi chiudiamola qui e ripartiamo dal progetto figaro. Ripeto sono scelte troppo personali per essere giudicate.
Caracci che mi pare di capire vuole vincere questa specifica regata ha invece  trovato motivazioni e  forza per continuarla anche se relegato nelle retrovie, vuoi per arricchiere il suo gia' grande bagaglio di esperienza ,vuoi per puntare ancora sulla seconda tappa ! Quindi va reso merito alla caparbietà del velista, quello che invece è un po' meno spiegabile è il fatto che una pila a combustibile pesa si 8/10 kg, ma per una transat forse vale la pena averla a bordo...
Resto invece perplesso sulle condizioni meteo trovate, qualcuno parla di calma piatta , qualcuno  di 30 nodi e di notti di burrasca con 4 metri di onda contro : che il pot noir si sia esteso di qualche grado verso nord ?? :)
il mini smaschera le tue lacune di velista e tira fuori le tue paure di uomo !

Offline liska-ita398

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 75
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #31 on: October 12, 2011, 15:28:49 PM »
pero' Bigwave sulle musichine di prensentazione dei nostri sono curioso ce lo fai un report ??..:))
il mini smaschera le tue lacune di velista e tira fuori le tue paure di uomo !

Offline daba

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 51
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #32 on: October 12, 2011, 17:44:11 PM »
Ciao Sea non so chi tu sia non avendo fatto una registrazione completa, sicuramente è solo da qualche giorno che frequenti il nostro forum. Sei il benvenuto come tutti, ma mi sento di dire che polemica e "processi del lunedì" non appartengono al nostro mondo.
Partecipare a una Transat è un'avventura unica, ma anche un impegno molto gravoso in termini di tempo e denaro.Tutti i regatanti della classe conoscono la fatica e il lavoro che ci sta dietro e pertanto hanno il massimo rispetto per i loro amici e compagni di molte avventure in mare anche se arrivano 10 giorni dopo sulla linea del traguardo. Qualcuno si permette di quando in quando un sano sfottò, solo dopo aver condiviso centinaia di miglia e molte ore in banchina e aver instaurato un rapporto personale con il destinatario della battuta, gli avvocati difensori e gli esperti "a posteriori" pertanto qui non servono.
L'amicizia che si crea in mare nelle nostre regate siano in doppio o in solitario va al di la di una bandiera o di una patria come tutti gli eventi della Classe Mini Italiana e Francese hanno ampiamente dimostrato da più di trent'anni. Qui i CAMPIONATI A SQUDRE PER NAZIONE NON ESISTONO. ESISTONO SOLO MARINAI che indipendentemente dal luogo di nascita e dal passaporto che hanno in tasca (se non l'hanno buttato a mare)decidono di affrontare una sfida in primo luogo con se stessi quindi verso i propri avversari.
Davide ITA 600

Offline valerio 650

  • Newbie
  • *
  • Posts: 30
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #33 on: October 13, 2011, 23:47:06 PM »
Ragazzi, ragazze, marinai... Sono stato a La Rochelle a vedere la partenza... più di 3000 chilometri in moto, 20 ore di viaggio all'andata e 14 al ritorno, senza gps ma solo con carta stradale, un freddo cane la notte... insomma l'avventura Mini Transat me la sono goduta... Massima soddisfazione e massimo godimento quando i nostri atleti sono usciti in mare attraversando lo stretto passaggio pieno di gente festante indipendentemente da colori e bandiere... La musica di sottofondo, se non ricordo male quella di Rocky, era quella giusta davvero. Emozione e adrenalina allo stato puro in banchina, non oso quantificare quella dei solitari a bordo!

I post precedenti, polemiche a parte, fanno riflettere... Da qualche tempo mi sto avvicinando ai Mini e ho avuto modo di navigarci su solo un paio di volte e non immagino quanto sia difficile andarsene in giro senza pilota ma un marinaio di Cervia, il grande Bianchetti, se non erro si fece un bel pezzo di regata al timone guadagnandosi il soprannome di Mustafà... Ma le scelte in regata come nella vita sono personali, quindi condivibili o meno, ma pur sempre personali e quindi non giuste in senso assoluto! BV

Offline bigwave

  • Full Member
  • ***
  • Posts: 161
  • talk less, sail more
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #34 on: October 14, 2011, 08:41:10 AM »
pero' Bigwave sulle musichine di prensentazione dei nostri sono curioso ce lo fai un report ??..:))

Ehi Pek non fare lo spiritoso! Allenati e prepara la barca perchè il prossimo anno non accettiamo scuse e ti vogliamo alla partenza di tutte e quattro le prove del campionato. Un abbraccio

Offline liska-ita398

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 75
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #35 on: October 14, 2011, 14:57:59 PM »
si adesso pure 4 !!! ... !! ma se mi sono già perso in mezzo alle isocrome !!! ;)
ci vediamo presto a Zena :))
il mini smaschera le tue lacune di velista e tira fuori le tue paure di uomo !

Offline nicola_nanan359

  • Jr. Member
  • **
  • Posts: 66
    • nanan359
Re: Andrea, che peccato!!!
« Reply #36 on: October 16, 2011, 11:57:26 AM »
fonta facebook

"Salve a tutti
Come vi anticipato Chiara sono a La Palma tra l'altro e' arrivato anche Tiziano (Emergency)
Non ho molta voglia di raccontare l'accaduto comunque ero ad ovest di La Palma stavo decidendo come ammainare lo spi medio per poi strambare per non rimanere intappolato dai rifiuti dell'isola, che in quel momento mi stavano spingendo 11 nodi per 220 quando l'albero si e' rotto sotto la c...rocetta.
Ero probabilmente soprainvelato ma non di piu' di altre volte, c'erano 20/25 nodi, non c'era l'uragano.
Ho trovato la crocetta rotta alla base ma non penso sia la causa del disalberamento.
Onestamente in questo momento non mi interessa molto sapere cosa e' successo.
Riordino la barca e vedo di rientrare in Italia.
Grazie per il supporto

Ciao

Andrea"